The Roozalepres – The Roozalepres

Tempo di lettura: 1 Minuto

L’album d’esordio che i toscani The Roozalepres hanno rilasciato nel 2020 per i tipi di Go Down Records mi offre lo spunto per una breve riflessione.

Ovvero: è sempre difficile inventarsi un genere nuovo. Per quanto originale è sempre possibile sentire il richiamo, forte o in lontananza, di Pinco o Pallino.

Alcuni chiamano questi cenni “influenze”, altri optano per il termine meno lusinghiero di “derivazioni”. Insomma può essere complicato scendere dalle spalle dei giganti.

Il punto è come ci si sta, sull’ingombrante groppone: ci si può stare comodamente seduti e rassegnarsi a fare la clone band oppure sbattersi e raggiungere quel grado di imposizione che basta a rendere unici nel proprio genere di riferimento.

I Roozalepres appartengono alla seconda schiera. Suonano punk ‘n roll, non certo un sentiero poco battuto, a cominciare da Ramones e Misfits fino, in tempi più recenti, alla scuola scandinava.

Però lo percorrono con personalità ed un’attitudine genuina, potente, ruvida; diretta e poco formale, spesso sfrontata.

Nessun orpello. Solo un solido telaio, un volante, un acceleratore ed un motore da parecchi cavalli ché è quanto basta per andare veloci, anzi per andare e basta.

Se volete comprendere appieno il significato di “incarnare lo spirito del rock”, ascoltateli.

The Roozalepres

hai gradito la lettura? passa parola:

SCRIVIMI DUE RIGHE

Vorreste partecipare ad un’interMista? Vi piacerebbe che il vostro disco fosse commentato sulle pagine di Cattive Abitudini?