Bad Nerves – Bad Nerves

Tempo di lettura: 1 Minuto

“L’abito non fa il monaco”; “Non bisogna giudicare dalle apparenze”; e chi più ne ha più ne metta sul carro dei luoghi comuni.

Tuttavia, guardando le foto che ritraggono questi baldi giovani è piuttosto difficile non pensare che siano state scattate a Forest Hills, nel Queens, più o meno a marzo del 1974 e non invece nella Londra del 2020, o giù di li.

Quando attaccano a suonare un pezzo lo fanno senza tanti fronzoli: tre colpi di bacchette e via con un rock viscerale ed istintivo che va a manetta.

Si meriterebbero un verbale per questo. La Suburban Records, al contrario, un monumento.

Certo, il loro sound è un misto di punk e garage-rock e le incursioni, comunque per niente discrete, nel power-pop sono frequenti.

Non si può quindi dire che la loro musica sia innovativa, ma che la suonino dannatamente bene e che –  con lo stesso garbo di un pugno sferrato allo stomaco – diffondano un’energia palpabile ed irresistibile, si può dire eccome!

E poi la voce di Nerves ( oh, ma guarda!): potente, cristallina ed irriverente. Anfetamina auricolare!

Semplici, diretti e genuini; e chi più ne ha più ne metta sul carro degli apprezzamenti.

Bad Nerves

hai gradito la lettura? passa parola: